Studi sulla formazione (2006). Vol. 2

Studi sulla formazione (2006). Vol. 2

È possibile rintracciare nel pensiero di Heidegger motivi di interesse pedagogico? La filosofia italiana del secondo dopoguerra quanto spazio ha dato al pensiero di John Dewey? L'esperienza del "dolore", come dimensione psico-fisica del soggetto postmoderno, quanto incide nel percorso di formazione che appartiene a ciascun individuo? E ancora: è possibile attivare un processo comunicativo in ambito scolastico mediato da computer? Questi sono alcuni degli argomenti che vengono affrontati nel presente numero della rivista, un numero miscellaneo che offre molteplici spunti di riflessione pedagogico-educativa non solo in ambito nazionale ma anche attraverso interventi di studiosi stranieri. Tenendo fermo quel modo di fare pedagogia problematico e critico di cui la ricerca contemporanea ha sempre più bisogno.