Correva a squarciagola... sotto un sole torrenziale

Correva a squarciagola... sotto un sole torrenziale

Pirandello definì l'umorismo come "il sentimento del contrario", un momento successivo al comico, che nasce da una riflessione e da una identificazione con l'oggetto delle nostre risate, che porta il soggetto a una sorta di compassione per le vicende osservate. È questo il tipo di umorismo che anima le pagine di "Correva a squarciagola... sotto un sole torrenziale", dove un narratore spiritoso e autoironico racconta in maniera irriverente e senza peli sulla lingua la città di Napoli; un umorismo sottile, talvolta nero, che fa sorridere a denti stretti e che spesso lascia un retrogusto amaro in bocca, quello della riflessione sui tipi umani propri di una cultura, quella partenopea, piena di risorse e di ingegno.