Lungo il Canalbianco

Lungo il Canalbianco

Nel tentativo di salvare un bambino di quattro anni, l'ottantenne ex procuratore Günther Rosenbach annega nel fiume Reno. La giornalista Irene Fischer piange la morte del nonno a cui era profondamente legata. Liberando il suo appartamento trova alcune vecchie foto di un ragazzo e di un giovane Günther in uniforme.

I due dovevano conoscersi: in un appunto sul retro di una delle foto legge: "Giorgio, due giorni prima". Irene intraprende allora un viaggio in Italia dove verrà a conoscenza di fatti avvenuti negli ultimi mesi della seconda guerra mondiale e che videro anche il nonno come protagonista, in un succedersi di eventi che portarono al rastrellamento e al tragico eccidio di Villadose e Ceregnano del 25 aprile 1945, nei giorni in cui l'Italia veniva liberata dall'occupazione nazifascista.